sabato 12 settembre 2015

La mia amica Fiona


Fiona ha un anno e mezzo. È un criceto simpatico, ma è un po' birichina. Le piacciono molto le banane secche.
I criceti vivono da due a tre anni, quindi è abbastanza vecchia. Le piace anche mordicchiare le sbarre della sua gabbia. Il criceto è un animale notturno, cioè dorme di giorno ed è sveglio di notte. Sono felce che la mamma e il papà mi abbiano regalato Fiona!



Una volta stavamo pranzando e abbiamo sentito Fiona che soffiava, sono andata a vedere cosa stava combinando. Le era entrata una mosca nella gabbia. Mi dispiace lasciarla quando devo andare in Italia, ma so che presto la rivedrò.

Bianca



Ecco un video di Fiona che ho fatto insieme a Francesco!




domenica 6 settembre 2015

Dalla terrazza ... alla terrina

Salve a tutti!
Come i più arguti di voi avranno notato, più passano gli anni, meno spesso aggiorniamo il nostro blog...
Questo in parte succede perché dopo oltre 4 anni abbiamo perso l'occhio di meraviglia verso il mondo che ci circonda ma soprattutto perché siamo più impegnati a vivere la vita che a raccontarla!!
Negli ultimi mesi - in particolare - non abbiamo avuto un minuto di tregua... non c'entra il bellissimo viaggio in Russia di giugno per il matrimonio del fratello di Ilaria, né tantomeno le quattro settimane che abbiamo passato ad arrostirci in Italia tra luglio ed agosto. Non è nemmeno a causa della scuola che è ricominciata tre settimane o del nuovo lavoro di Ilaria...
È tutta colpa dell'orto!!!
Il progetto è partito a metà aprile: con l'arrivo della primavera Ilaria ha sentito il richiamo della terra (stufa di mangiare insalata iceberg e pomodori anemici) e così ci siamo dotati di mini-serra da balcone, terra e sementi.



Il "brevetto" è molto pratico: una volta riempita la vasca di terriccio e seminata insalata e ravanelli l'abbiamo chiusa con il coperchio trasparente che fa da serra.
I primi germogli sono spuntati in pochissimi giorni, nonostante le temperature non fossero particolarmente alte.
Simultaneamente abbiamo seminato in una scatoletta-incubatrice delle piante di pomodorini, da tenere inizialmente all'interno.
Il primo raccolto di insalatina è arrivato in meno di 4 settimane (alcune immagini sono trapelate sui social media per cui alcuni di voi ne avranno già sentito parlare ;-)
Buonissimo!!!



Nel frattempo... le piantine di pomodoro prendevano sempre più coraggio (rimanendo al calduccio in appartamento) e richiedevano il trapianto in vasi più capienti; ecco come si presentavano a metà maggio:
Un paio di settimane ed anche i ravanelli erano pronti per finire nella nostra terrina!




Il nostro orto ci ha così "sfamati" per il mese successivo, arrivando fino a metà giugno quando i pomodori erano sufficientemente cresciuti per affrontare le temperature esterne (che nel frattempo erano salite di qualche grado).
Prima di partire per la Russia quindi abbiamo trapiantato le piantine al posto dell'insalata.

Durante la nostra assenza, soprattutto grazie al supporto (idrico) di Ricardo e Katarina, le piante hanno continuato a crescere ed al nostro rientro in agosto c'erano già i primi pomodorini maturi!!
Complice un agosto caldissimo (per le medie scandinave) la produzione e maturazione di pomodori va avanti ininterrottamente da settimane e ci costringe a continue indigestioni di ortaggi auto-prodotti.
 ... beh, forse sto esagerando un po', comunque è una gran soddisfazione e non ci sono nemmeno erbacce da strappare! :-P


A presto, adesso vado a raccogliere le angurie.